Matera. Partono a settembre 2019 le Officine di Cultura Digitale (3-6 settembre 2019)

E’ previsto dal 3 al 6 settembre 2019 il Kick off delle Officine di Cultura Digitale, il meta incubatore per la formazione del corpo docente e degli studenti delle scuole italiane sull’innovazione digitale per il cultural heritage, presentato il 17 maggio a Matera insieme alla Rassegna dei prodotti realizzati sui temi del Digital Cultural Heritage.

 

Si tratta di alcune delle iniziative promosse dalla Scuola a Rete DiCultHer per favorire un rinascimento culturale e digitale, una sorta di nuova “Megàle Hellàs”, che sappia raccogliere la straordinaria eredità culturale del Mezzogiorno d’Italia, accrescendola grazie alla creatività dei suoi giovani e valorizzandola col coinvolgimento delle "comunità di patrimonio", nello spirito della Convenzione di Faro.

Le iniziative sono indirizzate a sostenere il protagonismo del sistema scolastico nazionale e la ‘creatività’ dei giovani che hanno partecipato e partecipano alle attività DiCultHer con competenza alla scoperta e alla valorizzazione del patrimonio culturale digitale e riguardano:

  • la Rassegna dei prodotti realizzati sui temi del Digital Cultural Heritage dalle scuole italiane;
  • le Officine di Cultura Digitale, incubatore delle conoscenze e delle competenze per la co-creazione, valorizzazione, salvaguardia e conservazione del nuovo Digital Cultural Heritage connesso all’Hub per la Ricerca e l’Innovazione Tecnologica di Matera;
  • il Museo Virtuale delle Scuole di Matera e provincia (connesso alle sfide di #HackCultura);
  • la Biblioteca (Virtuale) della Legalità.

L’obiettivo è quello di proseguire un percorso avviato con le Sfide di #HackCultura2019, il primo Hackathon per favorire nei giovani, in un’ottica di ‘titolarità culturale’, la conoscenza e la ‘presa in carico’ del patrimonio culturale nazionale, promosso dalla Scuola in Rete DiCultHer attraverso la costruzione di “contenitori di patrimoni digitali scolastici” stabili e di riferimento per il mondo della Scuola, in collaborazione con le Istituzioni nazionali ed europee preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale (INDIRE, ICCU, ICSBA, EUROPEANA), nonché l’ambiziosa prospettiva di realizzare nel Mezzogiorno d’Italia, a Matera, Patrimonio Mondiale Unesco e Capitale della Cultura Europea per il 2019, una rassegna permanente sul Digital Cultural Heritage, quale appuntamento culturale ricorrente per il Paese e per l’Europa e “comunità di pratica” “tra pari” tra e con i giovani in apprendimento e i loro docenti, per sostenere il protagonismo delle Scuole e dei ragazzi nell’era digitale, da realizzarsi in concomitanza alle varie edizioni delle Settimane della Cultura Digitale “Antonio Ruberti”, promosse dal Network DiCultHer sin dal 2016.

Tenuto conto che l’obiettivo primario della Scuola a Rete DiCultHer è quello di sostenere la formazione delle competenze nel Digital Cultural Heritage attraverso un sistema di strumenti, oggetti didattici, esperienze e best practice e approcci metodologici al DCH che accompagnino le istituzioni scolastiche nel "concretizzare gli obiettivi nazionali in percorsi formativi funzionali alla realizzazione del diritto ad apprendere e alla crescita educativa di tutti gli alunni, riconoscendo e valorizzando le diversità, promuovendo le potenzialità di ciascuno e adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativi" (art. 4 del DPR 275/99 detto anche Regolamento dell’autonomia), saranno realizzate a Matera le prime attività delle “Officine di Cultura Digitale”, incubatore delle conoscenze e competenze per la co-creazione, valorizzazione, salvaguardia e conservazione del nuovo Digital Cultural Heritage connessi all’Hub per la Ricerca e l’Innovazione Tecnologica di Matera, a supporto della progettazione di iniziative formative, educative e di aggiornamento professionale per Docenti e Studenti nel settore del Digital Cultural Heritage.

Le “Officine” hanno come “baricentro” Matera, città simbolo del Mezzogiorno d’Italia e d’Europa, e sono flessibili ed adattabili all’intera Basilicata e alle altre realtà regionali del Mezzogiorno. Le azioni previste avranno lo scopo di massimizzare il principio della “titolarità culturale” esercitata con diritto e la “presa in carico” di una responsabilità comune e condivisa rispetto a un bene comune, il patrimonio culturale, nella prospettiva di contestualizzare la Convenzione di Faro nell’Era Digitale. 

Nel concreto, le Officine di Culture Digitali proporranno attività formative, educative, di ricerca e sviluppo per dotare il Corpo docente e gli Studenti delle nostre Scuole della conoscenza del più vasto universo del nuovo Digital Cultural Heritage per sostenere la «piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche» per «una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione ed innovazione didattica, orientata verso l’educazione alla cittadinanza attiva, per garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini» (L. 107/15). 

Le Officine avranno due diversi Target:

  • il primo, i Docenti di scuola di ogni ordine e grado, dal nome DiCH_InCube, incubatore per la formazione sull’innovazione digitale per il Cultural Heritage;
  • il secondo, rivolto agli Studenti dei trienni finali degli istituti di istruzione secondaria superiore, dal nome DiTaG_Lab (Di(gital)Ta(lent)G(arden)_Lab) per la conoscenza dell’innovazione digitale applicata al Cultural Heritage.

In questa direzione l’obiettivo delle attività della “Rassegna” e delle “Officine” è quello di realizzare l’integrazione fra saperi umanistici tradizionali e conoscenze di metodi e tecniche computazionali nella strutturazione della nuova Cultura Digitale, attraverso modelli che puntino a creare conoscenze e competenze consapevoli trasversali per la realizzazione di quel digital knowledge design system applicato all’educazione al patrimonio culturale che mette al centro la creatività dei Docenti e dei giovani per affrontare, mediante l’uso consapevole del digitale e con approcci innovativi, la conoscenza, l’accesso partecipato, la gestione e la valorizzazione del Digital Cultural Heritage esito delle nascenti Digital Science, Humanities, Technology, Engineering, Arts and Mathematics (Digital SHTEAM), attraverso un’offerta formativa interdisciplinare, in grado di garantire al soggetto in apprendimento una visione e rielaborazione pluridimensionale e pluridisciplinare dei fenomeni della realtà. 

Per consentire la programmazione dell’apertura delle #Officine di Cultura Digitale, si richiede una dichiarazione di interesse alla partecipazione alla prima sessione, che è possibile effettuare entro il 30 Luglio 2019 su Eventbrite. Iscrizioni e informazioni sulla Piattaforma SOFIA del MIUR indicando il codice ID 31492

 

Data : 
5 Giugno, 2019
Data fine: 
3 Settembre, 2019